Gödel, Escher, Bach: un'eterna ghirlanda brillante

Una fuga metaforica su menti e macchine nello spirito di Lewis Carroll

Tipologia
Saggio
Autore
Douglas Hofstadter
Casa editrice
Adelphi
Città
Milano
Anno
[1979] 1990
Douglas Hofstadter "Godel, Escher, Bach: un'eterna ghirlanda brillante"
Douglas Hofstadter "Godel, Escher, Bach: un'eterna ghirlanda brillante"

«Mi resi conto che per me Gödel, Escher e Bach erano solo ombre proiettate in diverse direzioni da una qualche solida essenza centrale. Ho tentato di ricostruire l'oggetto centrale e ne è uscito questo libro.»

Douglas Hofstadter




«Ogni due o tre decenni un autore ignoto produce un libro di tale profondità, chiarezza, vastità, acume, bellezza e originalità che subito esso viene riconosciuto come un avvenimento di prima importanza: Gödel, Escher, Bach è un’opera di tal genere… La struttura di questo libro è satura di complicato contrappunto non meno di una composizione di Bach o dell’Ulisse di Joyce»

Martin Gardner, matematico e illusionista statunitense



Gödel, Escher, Bach: un'eterna ghirlanda brillante.

Relazioni