Senza titolo (L'importante è che la morte ci trovi vivi)

Autore
Luisa Alessandra Chiappini
Istituto di appartenenza
Liceo Artistico “Bernardino di Betto”, Perugia
Anno di realizzazione
2014
Tecnica
Elaborazione digitale e pastelli su carta
Dimensioni
21x30 cm
L'importante è che la morte ci trovi vivi
L'importante è che la morte ci trovi vivi
«L'opera è stata ispirata da una frase dello scrittore ed autore di programmi televisivi Marcello Marchesi: Il Malloppo, 1971.
La frase l'importante è che la morte ci trovi vivi sembra ridare, anche in punto di morte, la giusta dignità dell'essere umano.
L'immagine, realizzata in parte con la tecnica del pastello ed in parte con l'uso del computer, è un teschio formato da fiori. Quindi, la morte (il teschio) e la vita (i fiori)  sono tutt'uno, proprio come la morte fa parte della stessa vita.»

Luisa Alessandra Chiappini

ALLESTIMENTO

Allestimento Eleatica 2015

Relazioni